Centro medico Golden Salus

DISFUNZIONI SESSUALI/ERETTILI

Con il termine impotenza si definisce l'impossibilità di raggiungere o di mantenere un'erezione del pene sufficientemente rigida e duratura da permettere un rapporto sessuale normale. Si stima che circa il 10% degli uomini sessualmente attivi presenta e/o ha presentato turbe erettive.

Occasionalmente possono verificarsi episodi di impotenza, transitori, anche in soggetti normalmente efficienti. L’impotenza come vero e proprio disturbo cronico non è comunque da considerarsi rara poiché in età superiore ai 45 anni ne soffre un individuo su cinque, con tendenza, negli ultimi anni, ad un aumento in termini percentuali. Nei casi di diabete, cardiopatia, etilismo cronico, la disfunzione erettile si presenta in un individuo su due.

La disfunzione erettile viene distinta in primaria o secondaria rispettivamente se è manifestata fin dall'inizio dell'attività sessuale del soggetto o se è intervenuta in un secondo momento, dopo un periodo di attività sessuale soddisfacente. Si parla inoltre di disturbo generalizzato o situazionale a seconda se è sempre presente nell'attività sessuale dell'uomo o soltanto in determinate situazioni, attività o partner. Può infine essere di natura prevalentemente psicologica o organica.

Cause

Le cause possono riguardare condizioni neuroendocrine, in questi casi lo stimolo o pulsione sessuale (libido) è scarso e insufficiente a causa di squilibri ormonali come la carenza di testosterone e l’aumento della prolattina (ipogonadismo, iperprolattinemia, sindrome di Cushing, carenza di somatotropina).

Possono esserne causa disordini neurologici (Parkinson, Alzheimer, traumi spinali, neuropatia periferica) per cui la trasmissione dell'impulso nervoso dell'erezione risulta alterata. Il problema può trovarsi a livello dei centri nervosi presenti nel midollo spinale oppure a livello dei nervi che collegano ai corpi cavernosi del pene.

Cause importanti sono quelle vascolari, arteriose e venose; arteriosclerosi e ostruzioni delle arterie possono impedire al sangue di arrivare in quantità e con pressione sufficienti nei corpi cavernosi non consentendo così una sufficiente rigidità del pene, così come può accadere che esista una insufficienza nelle valvole venose, le quali non riescono a chiudersi e trattenere il sangue nei corpi cavernosi, provocando la impossibilità del mantenimento della erezione.

Alcune condizioni degenerative comportano la trasformazione di parti dei corpi cavernosi in tessuto fibroso il quale risulterà non elastico e quindi incapace di distendersi al momento della tumescenza (induratio penis plastica).

Possono essere causa di disfunzione erettile l'uso di farmaci (cortisone, psicofarmaci, antipertensivi) e trattamenti medici (prostatectomia radicale, cistectomia, radioterapia per cancro prostatico).

Possono spesso essere coinvolte cause psichiche per cui la pulsione sessuale viene inibita da ansia (tipica è l’ansia da prestazione), depressione, stress psicologici di varia origine che disturbano l’attenzione e la concentrazione, spesso coinvolgenti la situazione professionale, economica, familiare.

Sono stati identificati diversi fattori di rischio coinvolti nella insorgenza di disfunzione erettile. Tra questi il consumo cronico di alcol, droghe, il fumo, l’eccessiva sedentarietà, la ipercolesterolemia, l’obesità.

Dal momento che molto frequentemente la disfunzione erettile e la sindrome metabolica (con i conseguenti diabete di tipo 2 e obesità) trovano la loro causa nella carenza di testosterone (ipogonadismo), sarà possibile riscontrare con altrettanta frequenza la presenza di queste patologie nello stesso individuo.

Trattamento convenzionale

Attualmente, nei casi di disfunzione erettile di origine organica vengono principalmente utilizzati i farmaci inibitori della fosfodiesterasi di tipo (Sildenafil, Tadalafil, Vardenafil, conosciuti con i nomi di Viagra, Cialis, Levitra). Il trattamento ormonale (somministrazione di testosterone) si utilizza qualora siano riscontrate cause endocrine. Ad un livello successivo, quando risultano inefficaci o controindicati i farmaci orali, possono venire utilizzati i farmaci vasodilatatori (ad esempio quelli a base di prostaglandine) che vengono iniettati in loco prima dell'attività sessuale. L’intervento chirurgico che prevede l’utilizzo di protesi rappresenta l’ultima scelta e viene valutato solo quando gli altri trattamenti si sono rivelati inefficaci.

Trattamento con Medicina Biologica Integrata

La possibilità di eliminare le principali cause fisiche come i problemi di insufficienza vascolare, i disordini metabolici, gli squilibri nutrizionali e la possibilità di correggere i fattori di rischio associati al problema rientrano nel metodo di medicina biologica che presso il centro viene utilizzato.

Per raggiungere questo obiettivo è necessaria una corretta valutazione rivolta sia alla diagnosi medica specialistica che alla diagnosi di tipo funzionale, al fine di applicare le terapie più idonee per ogni singolo caso. Questo scopo viene raggiunto attraverso la prescrizione di test ed esami (ematochimici e funzionali) volti a rivelare quelle problematiche connesse al disturbo che possono essere rimaste trascurate e ad approfondire ed ampliare quelle già conosciute; successivamente si provvede a prescrizione/somministrazione della opportuna integrazione e della dieta più idonea, nella visione della integralità dell’individuo.

 

Questo sito utilizza cookies – piccoli file di testo che vengono depositati sul Vostro computer per aiutare il sito a dare una migliore esperienza all’utente. In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente e memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa e fornire dati di monitoraggio anonimi ad applicazioni di terze parti come Google Analytics. Come regola generale i cookie servono per rendere migliore la Vostra esperienza di navigazione. Tuttavia, è possibile disabilitare i cookie su questo sito come su altri. Il modo più efficace per farlo è quello di disabilitare i cookie nel Vostro browser. Il Garante della Privacy impone di avvertire gli utenti di questa procedura e rispettare la Legge Europea sui cookie per non incorrere a sanzioni. (Provvedimento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 03 giugno 2014) Per maggiori informazioni: privacy policy.